mer 22 novembre 2017, 0:12

Caretaker City

Tags inseriti:
Pubblicato da
Questa recensione e' stata inserita nella categoria Fantascienza e Fantasy ed ha 2 Commenti ancora.

attc1403Caretaker City,  ovvero Città dei Custodi,  è la seconda città più grande al mondo: qui la tecnologia raggiunge il massimo della perfezione e dell’evoluzione e a trarne vantaggio sono i venticinquemilioni di persone che la abitano. In questa fantastica città del futuro tutto viene pilotato:  persino le condizioni meteorologiche possono essere alterate da ingegnosi macchinari… Tra le figure di maggior importanza a livello cittadino si distingue il fisico Milton Rogers, genio dell’informatica, nonché creatore del V.A.N.N.A, un tipo di intelligenza artificiale.
Come in tutte le società che si rispettino, del passato come di un ipotetico futuro, la perfezione viene insidiata dal Male, generato dalla malvagità dell’uomo, da cattiverie, invidie, bramosia del potere: a Caretaker City avvengono due omicidi, intorno ai quali si indaga… Il romanzo appartiene certamente al genere fantasy, ma con una pennellata di noir, che incuriosisce il lettore alla ricerca di indizi utili alla soluzione degli omicidi.

BIOGRAFIA

Marco Antuzi è nato nel 1978 ad Acquapendente, vive a Gradoli in provincia di Viterbo. E’ informatico e Life Coach, ha studiato PNL e Ipnosi.
Ha molte passioni, tra le quali la cinefilia, ascoltare musica, la lettura di libri di psicologia ed informatica e i videogiochi.

Titolo: Caretaker City
Autore:
Marco Antuzi
Collana:
Narrativa
Isbn:
9788875683566
Anno di Edizione: 2008
Pagine:
74
Prezzo Copertina:
€ 10.00

Editrice Nuovi Autori
20123 Milano (MI) – 14, v. Gaudenzio Ferrari
www.editricenuoviautori.it

[Voti: 0    Media Voto: 0/5]

Share
Puoi lasciare un commento, o un trackback dal tuo sito personale.

2 Risposte a “Caretaker City”

  1. gurio vincenti
    16 gennaio 2010, 0:00

    Se avessi avuto la scelta, avrei scelto di essere concepito come Super Man con il cervello di un Dio. Marco sei grande, un ammiratore.8) 8) 8) 8) 8)

  2. gurio vincenti
    16 gennaio 2010, 0:03

    Scelta, avrei preferito. Tra il mio computer e il cervelletto che poco mi funziona?

Lascia un commento

*